Come insegnare al meglio le unità di apprendimento nei laboratori di gruppo

Wie man Lerneinheiten in Gruppenworkshops am besten vermittelt

Immaginate di avere davanti a voi un'enorme ciotola di muesli. Se cercate di mangiarlo tutto d'un fiato, probabilmente vi strozzerete invece di sentirvi sazi. È meglio con un goccio di latte e a pezzetti. In questo modo non si forma polvere e l'effetto desiderato di sentirsi sazi arriva lentamente ma costantemente. Obiettivo raggiunto, mettete giù il cucchiaio (non passatelo ;-) )

 

Allo stesso modo dovreste alimentare le sinapsi dei vostri partecipanti ai workshop di gruppo. Tutto ciò che volete che imparino deve essere presentato in piccoli bocconi. Nel team building, ad esempio, si inizia con i partecipanti che imparano giocosamente i nomi degli altri, poi gli interessi, i punti di forza e così via. Solo allora si può affrontare un buon lavoro di squadra. Un team che non si conosce ha già problemi di comunicazione di base se un membro del team non sa come rivolgersi all'altro.

Per far sì che i partecipanti comprendano il più rapidamente possibile ciò che si vuole da loro, è necessario prestare attenzione a quanto segue:

  • Un linguaggio chiaro, comprensibile e il più preciso possibile.
  • Se possibile, supportare ciò che viene detto con supporti visivi (dimostrazioni, video, disegni, immagini, ecc.)
  • Correggere i partecipanti durante l'esercizio (se è necessario toccare i partecipanti, ad esempio per riposizionare la gamba o simili). Annunciate in anticipo quello che state per fare! A nessuno piace essere toccato senza essere interpellato e in questo modo aumentate anche la fiducia e la vostra reputazione).


Pensate a parole chiave per le fasi di apprendimento

Con le parole chiave avete in mano uno strumento potente. Se volete insegnare determinate procedure, pensate a dei punti chiave per le singole fasi.

Esempio di sequenza di movimento per lanciare una palla:

  • Mirare al bersaglio
  • Prendere la palla nella mano di lancio
  • Portare il braccio in posizione di lancio
  • Lasciare che il braccio scatti in avanti
  • Aprire la mano

 

Naturalmente, la maggior parte delle persone dovrebbe essere in grado di lanciare la palla senza usare parole d'ordine. Tuttavia, se si vuole instillare una certa combinazione di movimenti in un saltatore in alto, è bene che il saltatore sia in grado di recitare la sequenza delle figure nell'ordine corretto prima del salto, in modo da non doverci pensare durante il percorso...

Per i processi nelle aziende e nelle associazioni, è anche una buona idea sviluppare una struttura composta dal minor numero possibile di parole chiave chiare per garantire la chiarezza.

Un esempio non del tutto serio per gli uffici:

 

  • Stampa di un'e-mail
  • Posizionare il foglio stampato sullo scanner
  • Eseguire la scansione e salvare l'e-mail stampata per l'archiviazione
  • ;-)

Le parole chiave funzionano come liste di controllo che portano alla routine.

Iniziare da zero se non si sa dove andare a prendere il gruppo

Nella maggior parte dei casi, non avete idea di cosa i vostri partecipanti sappiano già o sappiano fare. Iniziate quindi in modo semplice e poi adattate lentamente la difficoltà in base al gruppo o all'individuo.

Se si presuppongono conoscenze o competenze all'inizio, bisogna essere sicuri di averle. Non si può costruire su nulla. Non importa quanto bene si spieghino le cose più avanzate. Se non si hanno le basi, non funzionerà. Utilizzate gli strumenti giusti per il vostro workshop: date un'occhiata qui!

I vostri dati sono sicuri e criptati!

Consegna gratuita a partire da 75€*

Chat in diretta dalle 9.00 alle 17.00

Rimaniamo in contatto:
Pagar con Apple Pay American Express Visa Maestro Mastercard Discover Google Pay iDEAL Klarna PayPal Shop Pay SOFORT